Dizionario tessile online

Indice

| A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | R | S | T | U | V | W | X | Z |
 

Fibra sintetica

Prodotto da materiali macromolecolari sintetici per la formazione di fibre (polimeri) e creato da polireazioni di materiali chimici semplici (monomeri). Per le sue qualità, alcune delle quali (resistenza alle alte temperature, resistenza di tensione, elasticità, ecc.) possono essere cambiate praticamente a caso, è spesso l'equivalente di una fibra naturale. Fibra caratteristica per il passo piccolo, la forza, la resistenza, l’elasticità, l’abilità di mantenere la forma, la resistenza agli effetti atmosferici; questo significa che le fibre sintetiche sono facili da mantenere. Utilizzata nella produzione di intimo e nei tessuto e nelle maglie dei vestiti da donna e completi da uomo, come anche nei prodotti ad uso tecnico. Prodotte per la prima volta e usate comunemente nelle industrie tessili e d’abbigliamento a metà degli anni ’30; il suo sviluppo è ancora in corso. I più importanti tipi di fibre sintetiche includono: poliammide, poliestere, poliolefina, poliacrilonitrile, cloruro di polivinile, polivinile-alcol, polivinilidene, polifluoretilene e poliuretano.



General partners

Veba Vývoj
Evropská unie Education and Culture Questo progetto è stato finanziato dalla Commissione Europea. Questa pubblicazione [comunicazione] riflette soltanto il punto di vista dell’autore e per questo la Commissione non può essere ritenuta responsabile di qualsiasi uso che nei confronti delle informazioni contenute.
This project has been funded with support from the European Commission.
Mappa del sito  |  Riguardo il web  |  Print page  |  © 2006 – 2008 Textilní zkušební ústav, s.p., powered by MediaWiki
created by Omega Design